Prodotti farmaceutici
e non solo!

ALCOOL DA FRIZIONE SPIRITO GALLICO ALLGASAN AZIONE TONIFICANTE PER CUTE ED ARTI

 11,90  9,75

Esaurito

Categoria:

Descrizione

ALLGASAN SPIRITO GALLICO

AllgaSan Spirito Gallico rientra nella tradizione dei classici Franzbranntwein, ovvero alcool da frizione, tradizionalmente molto conosciuti ed utilizzati nell’area germanica e centro-europea più in generale. Un tempo sottoprodotti del cognac, oggi sono ottenuti miscelando alcool con oli essenziali o tinture aromatiche ed il loro impiego è diretto nell’ambito del trattamento di dolori e spasmi muscolari. Anche l’alcool, in concentrazione superiore al 50%, è da considerarsi un attivo: frizionato sulla pelle, infatti, è in grado di indurre una lieve irritazione della zona interessata e funge da antisettico. A questo si accompagna la sua naturale funzione di veicolante naturale, che permette una più profonda penetrazione dei principi attivi attraverso cute e derma, per sciogliere muscoli contratti e dolenti. Indicato per il trattamento locale in caso di contratture, crampi e mal di schiena.
  •  Flacone da 250 ml
Spirito Gallico Frizione 1. DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO AllgaSan Spirito Gallico 2. PRINCIPI ATTIVI Olio di Pino Mugo Dagli aghi e dai giovani getti di questa pinacea si estrae in corrente di vapore un olio essenziale dalla caratteristica composizione, che lo contraddistingue da altri oli ottenuti da specie differenti del genere pinus. In particolare, troviamo una elevata concentrazione di ∆-3-carene (superiore al 35%), α-e β-pinene (20%), β-fellandrene (15%), mentre specie chimiche poco rappresentate sono cadinene ed acetato di bornile. Tale composizione garantisce all’olio essenziale di pino mugo i classici effetti decongestionanti e rubefacenti attribuiti anche alle congeneri. Quando è utilizzato per uso topico, esterno, l’olio essenziale di pino mugo è in grado di indurre iperemia locale causata dalla lieve irritazione prodotta dalle sue componenti. Tale iperemia provoca un riscaldamento della parte interessata, accompagnato da rossore cutaneo. L’aumento della permeabilità vasale sottocutanea indotto permette inoltre agli attivi di penetrare in profondità e diffondersi ai tessuti adiacenti, estendendo a più ampia area le altre proprietà tradizionalmente apprezzate di questo olio essenziale, ovvero quelle antinfiammatoria ed antidolorifica, decontratturante muscolare e antireumatica. Canfora (Cynnamomum camphora Sieber) Con il termine canfora non definiamo comunemente solo la resina estratta dalla corteccia e dai rami dell’albero omonimo, dall’odore e dal sapore pungenti, ma anche una singola sostanza, la D(+)-canfora. Si tratta in particolare di un chetone del borneolo ((1R,4R)- 1,7,7-trimetil-biciclo(2.2.1]eptan-2-one), di cui esistono in natura le varianti stereochimiche destrogire e levogire; la canfora è anche prodotta sinteticamente, come racemo dei due stereoisomeri. La canfora è ben conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà officinali: già al tempo degli egizi un particolare olio canforato – detto Olio di Nardo – era molto noto, utilizzato e soprattutto costoso. Giusto per citarne alcune, la tradizione medicinale di molte civiltà del passato attribuisce alla canfora attività secretolitiche, spasmolitiche bronchiali, balsamiche, antistatiche, attività di regolazione di disordini ipotensivi, attività digestive, iperemizzanti locali ed antireumatiche. Non tutte sono state comprovate dalla moderna ricerca fitoterapica, ma quelle di interesse per l’apparato muscolo-scheletrico godono di una solidissima tradizione d’uso. Usata a livello topico la canfora, oltre ai ben noti effetti iperemizzanti e rubefacenti, è in grado similmente al mentolo di interagire con i recettori di temperatura e dolore inducono una caratteristica sensazione di freschezza (dovuta al blocco dei recettori del caldo ed alla stimolazione dei recettori per il freddo) e procurando al contempo una modesta analgesia, senza però sopprimere la risposta immunitaria o infiammatoria locale. In particolare, la canfora è in grado di abbassare la soglia di attivazione dei recettori per il freddo, rendendoli molto più sensibili e parallelamente di inibire la sensibilità di quelli per il caldo: così facendo, la sensazione efferente prevalente sarà quella del freddo: ecco spiegato il motivo per cui prodotti a base di eucalipto, canfora e soprattutto menta (mentolo) hanno proprietà rinfrescanti. Per quanto riguarda la percezione del dolore, invece, bisogna considerare due elementi: il primo è la capacità della canfora di agire come leggero anestetico, inibendo la scarica recettoriale dei nocicettori; il secondo è la particolare struttura “a cancello” della percezione centrale del dolore, sfruttata anche dalla TENS (stimolazione elettrica transcutanea dei nervi) o l’agopuntura. Si tratta di un principio secondo cui la contemporanea stimolazione locale innocua di una diversa via sensoriale afferente, trasmessa su fibre nervose mieliniche di grosso diametro o sulle stesse vie nervose del dolore (fibre mieliniche AƏ di piccolo calibro), diminuisce la percezione del dolore da parte del soggetto per attivazione di particolari neuroni inibitori situati nel corno dorsale del midollo spinale. Salvia (Salvia lavandulaefolia L.) Appartiene alla famiglia delle Labiatae, la salvia ha da sempre costituito una pianta officinale di notevole importanza. I suoi utilizzi come aromatizzante sono testimoniati fin dall’antichità, così come i suoi impieghi in ambito terapeutico. Della pianta si utilizzano le foglie, da cui si ricava per distillazione in corrente di vapore un olio essenziale dal caratteristico odore composto principalmente da α-tujone e β-tujone (20-60%), 1,8-cineolo (6- 16%), canfora (37%), α- e β-pinene ed α- e β-cariofilene. In particolare la S. lavandulaefolia (o salvia spagnola) si distingue dalla più comune S. officinalis per il più elevato contenuto in tujoni: si tratta di molecole psicoattive, in grado di interagire in modo antagonista con i recettori GABA-A (sistema gabaergico) e 5-HT3 (sistema serotoninergico) a livello del sistema nervoso centrale. Per questo motivo, l’olio essenziale di salvia spagnola (utilizzato alle debite concentrazioni per evitarne gli effetti tossici) può produrre anche un effetto aroma terapeutico utile nella terapia del dolore o del trauma. Altri composti in cui l’olio essenziale di salvia spagnola è ricco sono borneolo e derivati, sostanze terapeutiche ed attività spasmolitica. Rosmarino (Rosmarinus officinalis L.) Dalle foglie del rosmarino si estrae in corrente di vapore un olio essenziale, caratteristicamente distinto in tre chemiotipi differenti in base alla composizione chimica. L’olio essenziale di rosmarino contiene infatti come componenti principali l’1,8-cineolo, il borneolo e la canfora, cui si accompagnano in quote minatorie α-pinene,p-cymene, limonene, linalolo, mircene, verbenone e β-cariofilene. La differente composizione relativa dei tre composti caratterizzanti permette di distinguere tre chemiotipi differenti di rosmarino: abbiamo un chemio tipo che produce un olio ricco di eucaliptolo (1,8-cineolo), un chemiotipo che produce un olio ricco di canfora, un ultimo che sintetizza un olio ricco di borneolo e derivati. Ad ognuno di questi corrisponde un differente utilizzo, in quanto l’olio essenziale di Rosmarino ad eucaliptolo può essere sfruttato per le sue proprietà balsamiche, quello a canfora invece come antireumatico per uso locale, quello a borneolo nella patologia spastica delle vie biliari. Proprio per la presenza di canfora l’utilizzo topico dell’olio essenziale di rosmarino produce iperemia, lieve irritazione cutanea (rossore) ed un certo effetto analgesico in particolare per piccoli traumi, mialgie, dolori intercostali e nevralgie (sciatalgia). Mentolo (Mentha piperita L.) Il mentolo è il principale costituente dell’olio essenziale contenuto nelle foglie di menta piperita, pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle labiatae, in quantità che mediamente si aggirano intorno al 40% del peso totale dell’estratto (ottenuto per distillazione in corrente di vapore). Correttore del gusto in numerosi alimenti, tisane, preparazioni galeniche e farmaci, la medicina popolare identifica la menta come il rimedio digestivo per eccellenza. Importante l’attività antispastica sulle cellule muscolari lisce dell’apparato digerente e respiratorio; a queste si affianca una buona attività decongestionante e balsamica, cioè fluidificante le secrezioni dell’apparato respiratorio. Per quanto concerne l’uso esterno, la menta esprime in modo unico alcune delle proprietà già descritte per la canfora: il mentolo è dotato infatti di buoni effetti analgesici ed antidolorifici per interazione con i recettori di temperatura e dolore. Più approfonditamente, il mentolo provoca (così come il freddo e l’eucaliptolo) una netta stimolazione del recettore TRPM8 situato a livello periferico sulla membrana cellulare dei neuroni sensitivi distali, cui conseguono l’ingresso intracellulare di ioni Ca²+, la depolarizzazione della membrana e la partenza dello stimolo nervoso con segnale alla corteccia che sia consente la percezione dello stimolo, sia provoca la sopraccitata risposta autonomica riflessa a livello midollare (Gate Control Theory). La differenza rispetto all’attività della canfora risiede proprio nel canale di membrana stimolato:TRPM8 per la menta, attivo già nella temperatura di 15°C, TRPV3 per la canfora, che ha bisogno invece di una temperatura di attivazione intorno ai 35°C. Questo spiega sia perché la menta è attiva prima e più della canfora (ovvero perché la soglia di attivazione di quel recettore è minore), sia perché la canfora stessa sia associata a principi iperemizzanti e rubefacenti – lo è essa stessa- con l’effetto di riscaldamento della parte interessata all’esposizione. 3. COMPOSIZIONE DEL PRODOTTO Alcohol, Aqua, Pinus Mugo Oil, PEG-60, Hydrogenated Castor Oil, Camphor, Menthol, Isobornylacetate, Salvia Hispanica Oil, Rosmarinus Officinalis Oil, Parfum, Limonene, Geraniol, Linalool, C.I. 47005, C.I. 15985, C.I. 42041, C.I. 16255. SENZA PARABENI 4. AZIONE AllgaSan Spirito Gallico rientra alla perfezione nel solco dei classici Franzbranntwein, ovvero alcool da frizione, tradizionalmente molto conosciuti ed utilizzati nell’area germanica e centro-europea più in generale. Un tempo sottoprodotti del cognac, oggi sono ottenuti miscelando alcool con oli essenziali o tinture aromatiche ed il loro impiego è diretto nell’ambito del trattamento di dolori e spasmi muscolari. Anche l’alcool, in concentrazione superiori al 50%, è da considerarsi un attivo: frizionato sulla pelle, infatti, è in grado di indurre una lieve irritazione della zona interessata e funge da antisettico. A questo si accompagna la sua naturale funzione di veicolante naturale, che permette una più profonda penetrazione dei principi attivi attraverso cute e derma, per sciogliere muscoli contratti e dolenti 5. INDICAZIONI Trattamento locale in caso di contratture, crampi e mal di schiena. 6. MODO D’USO Frizionare la zona dolente con un leggero massaggio. Si assorbe rapidamente. 7.CONTROINDICAZIONI Non sono note controindicazioni particolari. In alcuni casi si possono verificare casi di ipersensibilità individuale ai componenti, che si manifestano sotto forma di eruzione cutanea. 8. AVVERTENZE E PARTICOLARI PRECAUZIONI D’USO Evitare il contatto con occhi e mucose. Solo per uso esterno su pelle integra. Non utilizzare per neonati e bambini al di sotto dei 12 anni. Non utilizzare per impacchi.